Create a Joomla website with Joomla Templates. These Joomla Themes are reviewed and tested for optimal performance. High Quality, Premium Joomla Templates for Your Site
  • Home
  • Teatro
  • 'Le Intellettuali' di Molière in scena al Teatro Cantiere Florida il 4 e il 5 febbraio

Teatro

Luca Zingaretti in THE PRIDE in scena al Teatro Argentina

di redazione

Roma, martedì 24 novembre 2015 - Affrontare la difficoltà di trovare la propria identità è il fulcro di THE PRIDE, opera del drammaturgo e attore americano di origini greche Alexi Kaye Campbell. Questa stasera 24 novembre debutta al Teatro Argentina, rimanendo in scena fino al 6 dicembre. E' diretto e interpretato da Luca Zingaretti. 

thepride2The Pride è un viaggio nella complessità della vita dell’essere umano, un’ esplorazione tra i meandri di sentimenti come l’amore, la fedeltà e il perdono. Solleva quindi interrogativi sulla vita contemporanea, sulle scelte gay o etero. Insomma The Pride indaga sui destini di uomini e donne alla continua ricerca della propria identità.
Lo spettacolo, prodotto da Zocotoco Srl, oltre allo stesso Zingaretti (nel ruolo di Philip), è interpretato da Valeria Milillo (Sylvia), Maurizio Lombardi (Oliver) e Alex Cendron (L’uomo, Peter, il dottore).La traduzione è di Monica Capuani, le scene sono di Andrè Benaim, i costumi di Chiara Ferrantini, le luci di Pasquale Mari e le musiche di Arturo Annecchino.
Luca Zingaretti dunque dirige e interpreta l’opera del drammaturgo e attore Alexi Kaye Campbell che ha debuttato al Royal Court Theatre di Londra vincendo il Critic’s Circle Award e l’Olivier Award.
Si tratta di un testo enigmatico costruito magistralmente, che racconta due storie rappresentate con scene alterne che si svolgono a Londra e in periodi di tempo diversi e lontani tra loro: il 1958 e il 2015. The Pride pone la grande questione dell’identità e delle scelte che determinano il nostro io più profondo. Nella vita tutti prima o poi, etero e gay, si trovano ad affrontare lo stesso dilemma: scoprire thepride1chi si è veramente, cosa si vuole dalla vita e soprattutto rispondere all’interrogativo se si è capaci di raggiungerlo. I tre interpreti Philip, Oliver e Sylvia lottano appunto per questo, per una vita più facile, nella sperazna di riuscire a guardarsi allo specchio ed essere almeno contenti di ciò che vedono nell’immagine riflessa.

Londra 1958. È una serata speciale. Sylvia, una ex attrice reduce da un esaurimento nervoso, sta lavorando alle illustrazioni del libro di Oliver, uno scrittore per ragazzi. Non vede l’ora di presentarlo al marito Philip e quella sera, finalmente, usciranno a cena insieme.
Londra 2015. È una serata da incubo. Oliver, un giornalista gay, ha appena rotto con Philip, un fotoreporter con il quale ha avuto una storia di due anni. Sylvia, amica di entrambi, cercherà di indagare i motivi per cui Oliver sta cercando di sabotare una relazione importante come quella che ha con Philip.
Le due storie, interpretate dagli stessi attori inizialmente sembrano non avere nulla in comune, a parte i nomi dei personaggi. Ma man mano che le due vicende prendono piede e procedono si scoprono continui rimandi di problematiche che invece hanno molto in comune.

Arte Fair

  • Redazione
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici anche su:

Archivio Blog